Ci avviciamo all’inverno come l’alta marea, i primi panettoni già da un po’ spuntano nei reparti dei supermarket. Stamattina c’era la nebbia, ora è spuntato il sole che tiepido lambisce le sparute foglie rimaste a penzolare qui e là. Nello stereo già un cd con canzoni natalizie e un pomeriggio libero per aprire i pensili della cucina e pescare qui e la gli ingredienti necessari per cucinare del morbido pane. Farina, acqua e olio… E la casa è già in un tiepido sbuffo bianco.

 

 


 

(E, per ora eviterò di parlarvi del nuovo lavoro, che al confronto il Circo Browning pareva un gruppo di gente sana, mentre questo nuovo pare un gruppo di autosostegno. E non parlerò del clone di Emma Marone che, da quel che capisco -parla una lingua strana- ha crisi isteriche perchè deve studiare la Divina Commedia… Evitiamo per ora, che la pasta è lievitata e la devo reimpastare)

Annunci