Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Non so com’è, ma il fido Triviale riesce sempre a tirar fuori la parte meno chic di me, quella più da carciofaia, quella più Lollobrigida prima di sgrezzarsi. E’ difatti colpa sua ormai se ad ogni uccello che capita vado ad associare e identificare una cantante famosa. Sì, con uccello intendo pene.  Forse tutto è nato dal fatto che io non mi fidassi di un suo parere in merito all’argomento e gli dissi una cosa del tipo “ma tieniteli tu i tuoi cazzi stile Irene Grandi! Io mi tengo la Streisand con tutta l’orchestra di 84 elementi!”.  E non credo nemmeno avessi bevuto. Nel mio sangue ormai scorre non sangue, non alcol, ma succo di Joan Crawford; spero esistano rehab apposta per questo. Da li il buon Triviale chiede “E quello… Che modello era?!”, e via cercare l’associazione giusta tra la dimensione artistica e il carattere.

Per esempio, il modello Streisand di cui dicevamo qui sopra: praticamente ineccepibile; grande potenza, grande estensione e vibrato all inclusive. Difetti: a volte un pochino marziale.

Debbie Harry: la più fenomenale bomba sexy dell’era rock. Difetti: crea assuefazione, rapture.

Silvia Mezzanotte: mezzo molto importante, ma un po’ fredda. Difetti: Pezzi non sempre azzeccati. Sostanzialmente inutile, ma di compagnia; un po’ come il gatto trovato sotto casa.

Mariah Carey: voce soave e estensione sovrannaturale. Difetti: Potrebbe rasentare la perfezione, ma… Molto talento, poco gusto. Dovrebbe esplorare terreni fino ad ora un poco ignoti.

Paola Iezzi: sorvolerei.

 

Sono aperte le selezioni per il modello Beyoncè, il modello Rettore e, perché no, il modello Sophie Ellis Bextor (che fa tanto primavera). E voi, invece con che modelli avete avuto a che fare?

Annunci